Perché un “Premio Romanzi”?

Fu nel 1995, poco più di un anno dalla scomparsa di Romanzi, che su proposta del Comitato per lo Sport universitario – Presidente Pino Josi – il Rettore Pontremoli gli intitolò il Palazzetto dello Sport di Valletta Puggia: A Carmine Alfredo Romanzi insigne Maestro di Scienza e di Vita, dice la lapide.

Era nel campo sportivo di Valletta Puggia, oppure nella sede CUS in Via Montezovetto, che ogni anno si svolgeva la premiazione degli “studenti migliori atleti dell’anno del CUS Genova”. Magliette, a volte coppe, erano i premi.  Poi, tutti insieme, a tavola per un apericena, si direbbe oggi. Dopo il ’95, a queste riunioni, prese parte anche la moglie di Romanzi, e fu in una di quelle sere che Anna Romanzi e Mauro Nasciuti, con un bicchiere di birra in mano, si guardarono negli occhi e dissero: Ma perché, dato che esiste un Palazzetto Romanzi, non si pensa ad un Premio Romanzi per studenti-atleti eccellenti?

Quando il compianto Presidente del CUSI, Leonardo Coiana, seppe di questa idea, volle che questo premio dedicato a Romanzi avesse una valenza particolare, e fosse un premio importante, a carattere nazionale e non locale. Così è stato, e dal 1999 ad oggi l’Albo d’oro di questa manifestazione si è arricchito di nomi di assoluto prestigio, tra i quali, solo per citarne qualcuno, Giuseppe Maffei, Davide Rummolo, Valentina Vezzali, Emanuele Abate, Emma Quaglia, Silvia Salis…..

Il riconoscimento, che viene messo in palio ogni anno, prevede una medaglia d’oro e una borsa di studio – di differente importo – per i tre vincitori.Requisito base per la candidatura è l’essere atleti-studenti universitari: come studenti universitari, devono avere un curriculum scolastico non inferiore a quello precisato nel bando di concorso; come atleti, devono aver conseguito risultati di eccellenza in occasione di manifestazioni sportive a carattere nazionale e internazionale, con particolare riguardo per quelle universitarie.

La giuria – chiamata ad esaminare una lista di candidature presentata dal CUS Genova – è composta da autorità nazionali e cittadine, tra cui il Presidente del CONI, il Presidente della Conferenza dei Rettori, il Presidente del CUSI, il Rettore dell’Università di Genova e il Presidente del CUS Genova.

La consegna dei premi avviene a Genova nel corso di una pubblica cerimonia ufficiale, alla quale intervengono il Magnifico Rettore, la Prof.ssa Anna Molina Romanzi, le Autorità invitate, i Dirigenti e i Soci del CUS Genova.