È ufficialmente cominciato il Campionato UISP per le ragazze del CUS Genova, impegnate in questa nuova avventura calcistica. La prima sfida, nonostante il vantaggio nel secondo tempo, ha visto sconfitte le nostre atlete a Chiavari contro l'Atletico Levante per 5-2 al Campo Colmata Mare. 

 

Questo il commento di Matteo Anzalone, mister della squadra: «La squadra ha dimostrato carattere e sta crescendo. Il primo tempo finito 0-0 ha messo in luce una squadra compatta. Nel secondo tempo siamo passati in vantaggio con un gran gol e abbiamo tenuto il campo fino al 15esimo minuto. Poi abbiamo commesso qualche ingenuità, siamo crollati dal punto di vista fisico e abbiamo lasciato terreno alle avversarie, che ricordiamo sono le prime in classifica. Ci portiamo a casa la consapevolezza che possiamo competere con qualsiasi squadra del campionato e che abbiamo ancora molto da migliorare sotto l’aspetto di gestione della gara e dei suoi momenti».

 

Queste invece le simpatiche pagelle dello staff tecnico biancorosso:

 

ROSSI 8

Para praticamente qualsiasi cosa sia nel suo campo visivo nonostante la congiuntivite che lamenta all'arrivo. Unica sbavatura alla fine che non incide comunque sul risultato.

GUERRIERA

 

SARETTI 9

Il primo tempo è ovunque e anzi la si vede più spesso in attacco che in difesa. Propositiva e grintosa come sempre, morde le caviglie a qualsiasi cosa si muova davanti a lei e tenta anche qualche sgroppata sulla fascia prima di ricordarsi che gioca in difesa e tornare nel suo ruolo naturale.

SPIRIT CAVALLO SELVAGGIO

 

BELLA 8.5

Attentissima in difesa, mette una pezza ovunque evitando in diverse occasioni il goal delle avversarie, perfetta negli anticipi a tal punto da anticipare spesso e volentieri anche se stessa.

TRENITALIA

 

OLCESE 8

Nel primo tempo, da fascia si ritrova a volte a fare l'ultimo uomo per coprire le cavalcate delle compagne facendosi sempre trovare pronta a dare due calci alle avversarie fra un bambino con la varicella e una maledizione a sé stessa per le sigarette fumate.

CAMALEONTICA

 

STELLA 8.5

Con la solita qualità e visione di gioco cerca di creare gioco e dare spunti interessanti per le compagne, non facendosi comunque trovare impreparata anche nella fase difensiva. Se capisse che fare fallo non è peccato sarebbe probabilmente da 10 ogni volta.

MADRE ALESSIA DI CALIZZANO

 

NOBILI 8.5

Nel primo tempo sulla fascia un po' in difficoltà con l'avversaria a cui non ha risparmiato qualche minaccia in argentino stretto e la promessa di una coltellata. Molto meglio a centrocampo, dove con belle idee di gioco e la giusta personalità si rende più pericolosa, anche e soprattutto per le avversarie che han capito il rischio di finire nei piloni della Bombonera se non la finivano prima di subito.

LATINA

 

DACHENA 10

Passa quasi tutta la partita più isolata della Liguria dopo le piogge di queste settimane, ma nonostante questo riesce a tirare fuori un goal in pallonetto che le viene contato pure doppio dall'arbitro, probabilmente dopo aver saputo della differenza reti della squadra.

NOSTRA SIGNORA DI SASSARI AJO

 

TARSI 9.5

Corre tutto il tempo come Bolt quando ha fatto il record nei 100m beccandosi appena entrata uno sgambetto che le costa la frattura dinuna clavicola e un'abrasione da centro grandi ustionati, cose che comunque la fomentano ancora di più facendola diventare di fatto una specie di cingolato con il motore di un Boeing 747 sotto al culo pronto a mordere le caviglie a qualsiasi cosa le passi davanti.

MOTORINO TRUCCATO

 

DETTORI 8

Arriva al campo in ritardo per colpa dell'aperitivo pre-partita, mossa che si rivela tuttavia vincente perché parte subito carichissima e non ci si riferisce al tasso alcolico. Spinge, tira fuori la grinta e prova a mettere in difficoltà le avversarie con diverse belle giocate, ma con scarsa fortuna per la squadra.

APERIVALE

 

GIANNUBILO 8

Entra in corso e gioca come al solito, cioè dispensa calci, pestoni e irruenza come fossero ostie alla comunione la domenica. Nonostante non giochi il suo ruolo si mette a disposizione della squadra. Deve ancora capire che può parlare anche quando è in campo oltre che in panchina per incitare le compagne.

LA CANZONE DEL SOLE

 

MARTINI 9

Entra e fa capire subito alle attaccanti avversarie che l'aria che tira non è buona e non per via dell'allerta imminente. Non si fa saltare quasi mai, rocciosa, è l'unica che butta per terra la centravanti avversaria, impresa non facile. Quando le parte la brocca si improvvisa Messi, scarta tutti, vince 316 rimpalli e arriva al tiro.

EDGAR DAVIDS

 

CERATO 8

Purtroppo meno ispirata delle altre partite, prova comunque a dare il suo contributo alla squadra, facendosi notare per i calci dispensati davanti alla panchina che le fruttano un'ovazione generale.

MONET

 

PESCE 1 (IN TENDENZE SU SPOTIFY)

Ultima ma non per importanza e anzi ciliegina sulla torta, la Robben di Novi Ligure purtroppo non sfodera mai il suo sinistro micidiale che, visto il culo che hanno avuto le avversarie, poteva portarci ad avere un goal in più completamente a caso. Tuttavia si fa notare di più fuori dal campo regalando la colonna sonora della stagione con due strofe rap che Sfera Ebbasta può giusto andar bene per pulirle gli scarpini prima e dopo le partite.

FISHTY CENT

 

ANZALONE 9

Il Bobby Mancio di noialtri azzecca subito il settebello da schierare riuscendo nell'impresa di far passare in vantaggio la squadra contro le prime in classifica, cosa che non lo scompone più di tanto nonostante i vari tentativi di invasione di campo con il solito aplomb che lo contraddistingue.

ANZALONE MANGI IL PANETTONE

 

TIFOSERIA 7.5

Pochi e nemmeno buoni, provano ad incitare la squadra senza farsi pestare dai tifosi di casa, a cui riescono a strappare un sorriso probabilmente di pena, ironizzando sull'imbarcata di goal imminente.

RIMANDATI A SETTEMBRE (dove sicuro non deluderanno)