STORIA

Dopo un periodo di inattività a livello agonistico il CUS Genova riprende nel 2005 la partecipazione ai campionati provinciali vincendo la Prima Divisione maschile con la conseguente promozione in serie D Regionale. Allenatore di quella squadra è Luca Leoni, giovane promessa del settore tecnico ligure. L'anno successivo il CUS, sempre alla guida di Leoni, vince anche il campionato di serie D ed approda alla massima serie regionale. La squadra è però molto giovane e, l'anno successivo, paga lo scotto dell'inesperienza con l'immediata retrocessione.

Seguono due anni di serie D nel secondo dei quali, alla guida di Giusy Abis e Samuele Olivari, i Biancorossi riconquistano la serie superiore.

Per il nuovo campionato viene chiamato alla guida della squadra Enrico Salvi, tecnico giovane ma promettente. Il CUS finisce la stagione nella parte alta della classifica e, soprattutto, vede valorizzarsi alcuni dei suoi giovani elementi.

Nella stagione 2011/12 alla guida tecnica dei biancorossi approda Guido Costigliolo, allenatore di grandissima esperienza che, pur con una squadra dal livello tecnico non esaltante, riesce a conquistare la salvezza.

L'anno successivo il settore tecnico e dirigenziale della sezione volley decide di provare il salto di qualità. Sempre alla guida di Costigliolo, coadiuvato da Andrea Barabino, approdano al CUS in prestito da altre società genovesi, alcuni giocatori di ottimo livello tecnico  e grande esperienza. La squadra si dimostra subito competitiva lottando per i primi posti della classifica. Nel girone di ritorno costruisce la sua vittoria finale conquistando 31 dei 33 punti a disposizione e raggiungendo la promozione con 8 punti di vantaggio sulla seconda. Così, dopo anni, il CUS torna meritatamente nei campionati nazionali di pallavolo approdando alla Serie B2.

La ristrutturazione dei campionati nazionali da parte della Federazione penalizza però la squadra genovese che, nel campionato 2013/14, si vede inserita nel proibitivo girone emiliano. L'impatto con la realtà nazionale è per i giovani cussini, ancora alla guida di Costigliolo e Barabino, devastante. Il CUS chiude il campionato all'ultimo posto e deve dare l'addio alla Serie B2 dopo una sola stagione.

ALLENAMENTI

Le rappresentative maschili e femminili si allenano, durante la settimana, sia al Palaromanzi che nella tensostruttura polivalente vicino al palazzetto.

QUOTE RELATIVE ALLA STAGIONE 2016/17

Le quote di iscrizione relative alla stagione 2016/17 di pallavolo sono indicate nella tabella seguente. La società ricorda, inoltre, che la scandenza della prima rata di 200 € andrà saldata entro ottobre, mentre la seconda rata (coincidente con la rimanenza) sarà da saldare entro gennaio.

Seconda Divisione femminile (coach Casella) 300 €
Seconda Divisione femminile (coach Valente e Grassi) 330 €
Terza Divisione femminile 330 €
Prima Divisione maschile 350 €


Segui il CUS GENOVA PALLAVOLO su FACEBOOK!

(PAGINA NON UFFICIALE GESTITA DAI SOCI DEL CUS)