Il Responsabile Tecnico del Rugby di Base (Centri di Formazione U16, attività tecnica dei Comitati Regionali, Sviluppo quantitativo, qualitativo) della FIR Daniele Pacini ha fatto una graditissima visita al CUS GENOVA Rugby giovedì 5 dicembre.

Il pomeriggio si è aperto con la visita dell’Ospite, accompagnato dal Tecnico Regionale Bottino e dal Responsabile Tecnico delle attività giovanili Cus Genova Borzone, alla sede del CUS Genova in Via Monte Zovetto, dove ha potuto conoscere il Presidente della Polisportiva universitari Dott. Mauro Cechini.

Raggiunti da Stefano Juvara, consigliere direttivo del “Progetto Giovanili”, è stato presentato ai Tecnici federali il “Nuovo Progetto di sviluppo del settore giovanile” della sezione Rugby e si è proceduto ad un interessante e fondamentale scambio di informazioni, attingendo alla grande qualità di esperienze che qualificano il Tecnico FIR Daniele Pacini.

In seguito il gruppo si è spostato allo Stadio Carlini dove Pacini ha incontrato lo Staff degli Educatori, i Referenti delle categorie giovanili, dalla U6 alla U16, e alcuni collaboratori dei vari aspetti progettuali in essere, fra tutti l’avv. Carlo Galiberti (“motore” del gruppo di lavoro che si sta dedicando alla ricostruzione della storia del Club). Presenti anche il Responsabile CUS GENOVA della Sezione Rugby Stefano Bertirotti e l’altro consigliere direttivo del “Progetto Giovanili” Gaetano Nostro.

Daniele Pacini ha guidato una sezione “brainstorming” sui temi delle modalità di trasmissione dei concetti del nostro sport ai bambini/atleti che frequentano i campi da gioco, dell’approccio al ruolo di Educatore, della identità individuale e del Club; ha fatto emergere l’importanza della conoscenza del proprio ruolo, delle proprie identità, della necessità continua di feedback sia tra Educatori e giocatori sia reciproca tra Educatori.

In conclusione, il tecnico federale ha voluto lasciare come sprone a tutti questo monito: il miglioramento di un Club non deriva tanto dal fatto di avvalersi di tecnici di grido o giocatori affermati, quanto dalla buona formazione di ogni elemento interno al Club stesso, dalla voglia di migliorarsi dialogando e dalla coscienza della propria Storia (e il CUS Genova Rugby di Storia ne ha tanta).

La serata genovese di Daniele Pacini si è conclusa con una classica cena al ristorante (mandilli al pesto), accompagnato dagli organizzatori dell’evento.

 

 

Condividi